Ti trovi in: Giornale on line 2010

Verso l’itinerario culturale di città termali europee

Anche il Ministero del Turismo sostiene l’Associazione Europea delle Città storiche termali


Salsomaggiore, Vichy, Bath, Karlovy Vary, Spa, Ourense ed Acqui Terme sono alcune delle importanti città termali europee che hanno gettato le basi per l’
itinerario delle città storiche termali europee.
L’Europa è la casa di centinaia di città termali che la rete intende promuovere anche dal punto di vista culturale, ambientale, storico, architettonico.

Nel dicembre 2009, alcune città europee, fra le quali Salsomaggiore, fondarono l’Associazione Europea delle Città Termali Storiche che si è messa al lavoro per creare un itinerario culturale del termalismo europeo.

Il dossier di candidatura è stato valutato positivamente dal Consiglio d’Europa che ha espresso apprezzamento per il lavoro svolto, in quanto l’itinerario culturale del termalismo europeo si propone come importante tassello di sviluppo del turismo, fungendo da motore di innovazione e favorendo scambi di esperienze e di buone pratiche.

L’itinerario attraversa paesi e culture praticamente di tutta Europa: oltre all’Italia infatti, Grecia, Romania, Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovenia, Austria, Germania e Svizzera, Spagna, Portogallo, Francia, Lussemburgo, Belgio, Gran Bretagna, Scandinavia.

Parole di apprezzamento sono giunte dal Ministro del Turismo Brambilla che ha inviato un messaggio di sostegno alle città aderenti, con particolare riferimento a Salsomaggiore e ad Acqui Terme: “Un progetto valido ed ambizioso di dimensione europea che vede la cooperazione transfrontaliera di tanti comuni termali in differenti Paesi. Il Ministero sostiene con forza questa rete poiché vede il turismo termale come uno dei principali motori dell’economia turistica nazionale ed europea. La costituzione della Commissione Turismo termale e benessere all’interno del Ministero rappresenta un’azione concreta a sostegno di questo tema".

------------------------------------------------------
Gli itinerari del Consiglio d’Europa

Il Programma degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa venne lanciato a Strasburgo il 23 ottobre 1987 sulla base dell’idea che “fatta l’Europa occorresse fare gli Europei” e che dunque gli Europei si conoscessero e conoscessero il loro continente. Ci si propose cioè di costruire ponti di cultura che scavalcassero le frontiere nazionali, riscoprendo legami secolari. Il “Cammino di Santiago di Compostela” e la “Via Francigena” rappresentano i due grandi itinerari culturali e di pellegrinaggio che affondano le radici nella storia d'Europa.

Oggi gli “Itinerari” sono venticinque diffusi in tutta Europa e sono divenuti vettore qualificato di turismo culturale e sostenibile praticato da migliaia di persone provenienti da tutto il mondo, curiose di scoprire l’immensa ricchezza del Vecchio Continente.

Il concetto alla base del programma degli Itinerari Culturali Europei è quello di dimostrare, attraverso percorsi trasversali nello spazio e nel tempo, come il patrimonio dei differenti paesi rappresenti la base del comune patrimonio culturale europeo. Gli Itinerari Culturali costituiscono una concreta applicazione di fondamentali principi del Consiglio d’Europa: diritti umani, democrazia culturale, diversità ed identità culturale europea, dialogo, scambio ed arricchimento culturale.

www.culture-routes.lu

Ad oggi hanno avuto la menzione di Grandi Itinerari del Consiglio d’Europa:

Il Cammino di Santiago di Compostela
La Via Mozart       
Il patrimonio Al Andalus
Il Cammino della lingua castigliana e sua espansione nel Mediterraneo: la Via Sefaratica
La Via Anseatica (Hansa)
Parchi, giardini e paesaggio
L’Itinerario dei Vichinghi e dei Normanni
La Via Francigena
L’Itinerario di San Martino di Tour
L’Itinerario del patrimonio Ebraico
L’influenza monastica, l’Itinerario Cluniacense
L’Itinerario dell’Albero di Olivo
La Via Regia

Sono, invece, Itinerari del Consiglio d’Europa:

Architettura senza frontiere, habitat rurale in Europa
L’Itinerario Schickardt
L’Itinerario Wenzel e Vauban, architettura militare in Europa
La strada del ferro attraverso i Pirenei, patrimonio industriale in Europa
La Steirische Eisenstrasse, Itinerario del Ferro nell’Europa centrale
La Via Carolingia
Don Quixote
La Via Transromanica, Itinerari di Arte Romanica in Europa
Il Cammino di San Michele
L’Itinerario del patrimonio delle migrazioni
La Rotta dei Fenici
 
 
10.05.10

Condividi su...

Proprietà dell'articolo