Salsomaggiore - Yalta

Il sindaco Massimo Tedeschi ha firmato un importante Protocollo d'Intenti con la città ucraina. La delegazione salsese stata accolta dal Sindaco Sergey Braiko, dal Vice Sindaco Gennady Dobkin, dai responsabili delle relazioni internazionali e il Consiglio comunale

Una delegazione salsese guidata dal Sindaco Massimo Tedeschi e dal Direttore Sanitario delle Terme di Salsomaggiore Giorgio Varacca, si è recata a Yalta, in Crimea, per firmare un importante Protocollo d'Intenti con la città ucraina, localita ricca di storia e fascino dove alla fine della seconda guerra mondiale i capi di Stato delle maggiori potenze impegnate nella guerra contro la Germania firmarono gli accordi politici che per decenni avrebbero avuto profonde ripercussioni sulla storia mondiale. La visita istituzionale, avviata tramite l'Associazione Medica Italia-Ucraina che contribuisce da tempo con successo allo sviluppo delle relazioni fra i due paesi e a seguito dell'incontro con il Console Generale di Ucraina, avvenuto il 30 novembre 2006 a Salsomaggiore, ha permesso di approfondire le relazioni fra le due città sulla base del rispetto reciproco, uguaglianza di diritti ed amicizia, evidenziando forti sintonie culturali.

La delegazione salsese è stata accolta con grande entusiasmo dalle istituzioni locali: erano presenti il Sindaco Sergey Braiko, il Vice Sindaco Gennady Dobkin, i responsabili delle relazioni internazionali e l'intero Consiglio comunale, che ha approvato al'lunanimita la firma del memorandum d'intenti.

La prima parte dell'incontro istituzionale si è svolta nello studio del Sindaco, dove Tedeschi e Braiko hanno avuto un colloquio privato. Durante la successiva cerimonia ufficiale, svoltasi davanti ai 50 consiglieri della città di Yalta, Tedeschi ha ricordato che "entrambe le città, vocate alla salute ed al turismo, si sono riunite per approfondire la reciproca conoscenza nell'ottica di poter sviluppare un'ipotesi di lavoro per rapportare il locale turismo balneare di Yalta con il termalismo salsese. L'auspicio" ha proseguito " quello di promuovere forme di collaborazione future nell'ambito medico-sanitario, dell'accoglienza e della formazione ( stato dato ampio risalto all'attività dellIstituto Alberghiero salsese), in particolar modo coinvolgendo altre istituzioni quali la Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Camera di Commercio e il sistema delle imprese al fine di avviare una promozione integrata dell'offerta salsese sul mercato ucraino e russo e, congiuntamente, un percorso di sviluppo in grado di valorizzazione il territorio, producendo sinergie e nuove idee che possano generare utilità che ricadono a livello locale. La città di Salsomaggiore" ha sottolineato Tedeschi crede fortemente nelle relazioni interistituzionali e si stà muovendo in una dimensione europea cercando di promuovere al meglio un territorio che ha eccellenze dal punto di vista culturale, artistico, enogastronomico, ambientale e tecnologico. Il territorio parmense, circondato anche da borghi medievali e castelli, cattedrali e pievi romaniche luogo ideale per trascorrere piacevoli vacanze, soggiorni di relax e benessere".

Il Sindaco di Yalta ha espresso soddisfazione per il Protocollo firmato ed ha sottolineato come le due città collaboreranno nei prossimi mesi alla stesura di un accordo di gemellaggio. "La nostra amministrazione", ha spiegato Braiko, "ripone grande attenzione nelle relazioni internazionali a dimostrazione di una forte volontà di condividere con altri paesi europei processi di crescita e sviluppo territoriale. Sul piano turistico sarà l'occasione per far conoscere all'Italia una delle perle dell'Est, la Crimea, ma soprattutto la grande vitalità della città di Yalta, alla quale giungono ogni anno oltre 1.000.000 di turisti provenienti da tutto il mondo, mentre l'Ucraina avrà modo di stabilire un legame significativo con una delle capitali del termalismo europeo. "Yalta", ha ricordato, " gemellata attualmente con: Baden Baden (Germania), Rodi (Grecia), Nizza (Francia), Santa Barbara (USA), Fiume, (Croazia)".
Braiko ha voluto sottolineare l'importanza di "approfondire la ricerca medico-scientifica inerente alle proprietà curative e terapeutiche dell'acqua, in quanto anche a Yalta esiste un potenziale da approfondire con ricercatori, specialisti del settore, università e sarebbe auspicabile stabilire un rapporto di collaborazione e di consulenza organizzativa e scientifica con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano".

Giorgio Varacca, Direttore Sanitario delle Terme di Salsomaggiore, ha ribadito l'importanza delle acque di Salsomaggiore spiegandone le proprietà terapeutiche. "Le nostre Terme", ha ricordato, "sono un punto di riferimento a livello europeo per le loro proprietà curative. Negli ultimi anni, inoltre, stata posta attenzione anche al settore del benessere termale".

Dopo la firma del protocollo e la conferenza stampa, seguita con grande interesse da giornalisti e televisioni di Yalta e della Regione della Crimea, la delegazione salsese è stata accompagnata a visitare i principali monumenti ed i luoghi storici pùi significativi: innanzitutto lo storico Palazzo di Livadia dove venne firmato laccordo dai tre capi di Stato, Roosevelt, Churchill e Stalin, nel febbraio del 1945, il Palazzo di Alupka, residenza estiva degli Zar, il castello denominato Nido di Rondine (risalente allinizio del XX secolo), il Museo dei Tesori di Yalta, la chiesa di Foros, il monte Ai-Petri e la Cantina di Massandra, la pùi famosa in Ucraina, all'interno della quale vengono prodotti, invecchiati e venduti vini molto pregiati. Sono custodite antiche bottiglie di vino vecchie più di due secoli, del valore di oltre 50 mila dollari.

Due giorni di lavoro intenso, quindi, finalizzati ad approfondire un territorio con il quale la città di Salsomaggiore auspica di sviluppare una proficua relazione alla luce delle tante affinità culturali e storiche che contraddistinguono le due realtà. Nei prossimi mesi una delegazione di Yalta ricambierà la visita e nel mese di novembre alcuni medici dovrebbero partecipare e portare il loro contributo ad un convegno medico-scientifico internazionale organizzato dalle Terme di Salsomaggiore.

 
La citta di Yalta
Yalta una città di circa 80.000 abitanti afferente alla Repubblica autonoma di Crimea. Fu conquistata ai Turchi dalla Russia al termine del XVII secolo. Divenne presto una tra le pi eleganti città balneari del Mar Nero quando lo Zar Alessandro II si stabilì con la sua residenza estiva nella vicina Livadia.

Attraversata dai fiumi Derekoy ed Ucian, proprio attorno a queste sponde che si sviluppa il vivace centro urbano, dove si trovano alberghi, attività commerciali, piazze, bar e caffè, teatri all'aperto e locali per giovani. Una città dinamica che durante il periodo estivo diventa la capitale dell'Ucraina per la presenza delle maggiori autorità politiche del Paese e diviene luogo di vacanza e villeggiatura per migliaia di persone provenienti dalla Russia e da tutto il mondo, attirate dalle diverse spiagge di elevato interesse turistico che la Baia di Yalta offre.

La vivacità culturale di Yalta, frequentata da molti giovani, dovuta anche alla presenza dell'Università, l'Università Crimeana delle Scienze Umane, dove studiano circa 4.000 studenti.