La Festa dei Musei

Il Museo Paleontologico “Il Mare Antico” partecipa il 20 maggio alla Giornata Internazionale dei Musei

“La Festa dei Musei” è l’evento internazionale che celebra i musei e promuove il patrimonio  culturale in tutte le sue forme con appuntamenti e aperture straordinarie di musei e luoghi d’arte.

L’iniziativa, in programma per il fine settimana del 20-21 maggio, è promossa dalla Direzione Generale Musei del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e da ICOM (International Council of Museums).

Il Museo Paleontologico “Il Mare Antico” di Salsomaggiore Terme partecipa all’evento culturale offrendo, nella giornata di sabato 20 maggio, l’ingresso libero al museo. Rivolgendosi alla Biblioteca Civica, situata al pianoterra del Palazzo Congressi, il museo sarà aperto ai visitatori il mattino dalle 9.00 alle 13.00 (ultimo ingresso ore 12.00) e il pomeriggio dalle 14.00 alle 17.15 (ultimo ingresso ore 15.00).

Per la speciale occasione de “La Festa dei Musei”, il museo osserverà anche un’apertura serale straordinaria dalle ore 20.15 alle ore 23.15 proponendo 2 visite guidate tematiche gratuite condotte da guida professionale. Il visitatore sarà accompagnato per un “viaggio” alla scoperta del mondo della paleontologia e della preziosa collezione museale tra cui emergono 5 cetacei fossili. La prima visita guidata è fissata alle ore 20.30; la seconda visita guidata inizierà alle 21.45 (ritrovo direttamente alla sede museale).

La guida professionale “racconterà il patrimonio”: la maggior parte dei reperti sono stati recuperati nell’area del parco regionale dello Stirone e del Piacenzano; introdurrà il visitatore alla conoscenza della “scienze della terra” e all’evoluzione paleoambientale del Bacino Padano, dove sono stati recuperati i cinque cetacei fossili presenti al museo: tre balene e due delfini. Il ricco percorso museale con oltre ai 5 reperti di cetacei, conserva anche il resto fossile di una tartaruga marina rinvenuta nel Torrente Stirone.

Uno degli ambienti tematici più avvincenti, è sicuramente la sala che riproduce il mondo sommerso dei fondali marini ed evoca l’attacco dello squalo; evento molto probabilmente subito dalla balenottera fossile “Matilde” (trovata da Raffaele Quarantelli), nei cui resti fossili sono stati ritrovati dei denti di squalo bianco. La gigantografia dello squalo, che sovrasta l’ambiente marino riprodotto, catturerà l’attenzione dei piccoli visitatori che prima di entrare saranno invitati a “nuotare” tra le immaginarie acque marine, mentre “il canto delle balene” accompagnerà il pubblico nella effervescente “notte magica al museo”.

Per le visite guidate, ritrovo direttamente al museo a partire dalle ore 20.15.

 

12.05.17

Allegato: 

Locandina Festa Musei (199.45 KB - pdf)