Donazione organi

L’Amministrazione comunale ha aderito al progetto del Ministero della Salute per la donazione degli organi “Una scelta in comune”

Abbiamo convintamente aderito al progetto che permette ai cittadini di esprimere la loro volontà sulla donazione di organi al momento del rilascio o del rinnovo del documento di identità – dice l’assessore Marco Trevisan. La donazione di organi e tessuti rappresenta un atto di grande solidarietà verso il prossimo, un segno di civiltà, di rispetto per la vita e l’unica soluzione per patologie non altrimenti curabili”.

Ad oggi, le norme di legge dispongono che la carta d'identità può contenere l’indicazione del consenso, o del diniego, a donare gli organi in caso di morte. “Si tratta di una facoltà e non di un obbligo – spiega Trevisan - e ai Comuni spetta il compito di trasmettere i dati al Sistema Informativo Trapianti per consentirne la raccolta in un’unica banca dati”.

Il Ministero della Salute, preso atto che esiste un problema di reperibilità degli organi perché all’aumento delle richieste non è seguito l’aumento delle dichiarazioni di volontà, con “Una scelta in Comune” ha lanciato una campagna di informazione e sensibilizzazione alla donazione di organi. “Per questo – aggiunge il consigliere  delegato Enrica Porta - l’Amministrazione comunale ha deciso di partecipare alla campagna attivando le procedure affinché i cittadini possano manifestare la loro intenzione. Il problema della reperibilità degli organi è importante e questo nuovo metodo potrà consentire l’aumento dei donatori”.

Con questa iniziativa – sottolinea il vicesindaco Giorgio Pigazzani - si completa un percorso iniziato diversi mesi fa in collaborazione con l’associazione locale AIDO e la sua presidente. Esprimo soddisfazione per il lavoro svolto, che ha raccolto la giusta sollecitazione arrivata dall'associazione.

http://www.trapianti.salute.gov.it

 

28.08.17